Testata

Van Gogh. I colori della vita

Padova, Centro San Gaetano
la mostra, aperta tutti i giorni, è prorogata fino al 6 giugno

Giuseppe Puglisi
Come stelle nel cielo

Ho sempre guardato al cielo, soprattutto al cielo notturno, sconfinato e carico di stelle.

Quando Marco Goldin, alla fine dell’estate 2019, mi ha invitato a realizzare dei lavori ispirati ai cieli notturni di Van Gogh, ho accettato con entusiasmo. La pittura di Van Gogh è, nella sua interezza, entusiasmante, chiara, semplice, profonda, umanissima. Al centro del suo lavoro c’è sempre tutta l’umanità con le sue gioie, le sue speranze, i suoi dolori ma immersa in una natura di folgorante bellezza, una bellezza che accarezza l’anima.

Già da qualche tempo le mie riflessioni si orientavano in questa direzione ma non erano ispirate dai cieli notturni veri e propri quanto piuttosto dai cipressi che Van Gogh ha dipinto.

Durante la visita a una sua mostra mi sorpresi a osservare con interesse i suoi cipressi dipinti. Cominciai a seguire le pennellate ondulate verde smeraldo scuro, i blu di prussia, i viola di cobalto che si muovevano in vortice come galassie e più entravo in quella oscurità più sprofondavo dentro me stesso. Ho cominciato a pensare a quel buio cromatico come a dei possibili cieli stellati.

Non c’era ancora l’idea di una mostra eppure già conservavo nella memoria alcune idee di paesaggio che mi richiamavano alla mente certi dipinti del pittore olandese; una luna che sorge dietro una silenziosa collina in ombra ad Argimusco, delle luci riflesse su un cipresso.

Ho lavorato a questi dipinti lasciando che la suggestione di un’immagine facesse eco a un’altra e come in un gioco di riflessi la realtà tradotta rimanesse in essenza. Ho dipinto alcuni cieli stellati del nord pensando alla nascita del pittore e ricordando la sua morte ma credo, infine, che il fascino delle stelle risieda tutto nella loro indifferenza ai nostri destini.

Giuseppe Puglisi

mostra a cura di
Marco Goldin

Padova, Centro San Gaetano
26 aprile - 6 giugno 2021